n° 11
15 giugno 2021


Enterprise Europe Network è la più grande rete a supporto delle PMI a livello mondiale, presente in più di 60 Paesi e composta da oltre 600 partner locali, raggruppati localmente in consorzi.

La Rete e i suoi membri mettono a sistema la propria esperienza sul business a livello internazionale con le competenze locali per supportare l'introduzione dell'innovazione nel mercato.

La Rete fornisce assistenza personalizzata alle imprese per accelerarne la crescita, sviluppare nuovi partenariati commerciali e tecnologici, favorire l'accesso al credito e la partecipazione a programmi di finanziamento europei

EUROSPORTELLO

EUROPEAN ANGEL INVESTMENT SUMMIT 2021
Dopo il successo delle edizioni 2019 e 2020 dell'European Angel Investment Summit, siamo orgogliosi di annunciare che il Congresso annuale EBAN 2021 si terrà dal 16 al 18 giugno come conferenza online! Unisciti a centinaia di investitori, startup selezionate, responsabili politici e aziende al #EBANCongress21 per tre giorni di networking e grandi colloqui.
EBAN collabora ancora una volta con il portale InvestEU, la DG GROW della Commissione europea e la DG ECFIN, nonché con la rete Enterprise Europe per l'evento.
#EBANCongress21 si concentrerà sul modo in cui gli investitori business angel possono sostenere l'UE nell'accelerare il ciclo dell'innovazione e superare le numerose sfide che la nostra società deve affrontare dopo la crisi di Covid-19.
E’ prevista anche una Call for Startups per le sessioni di pitching durante il congresso annuale 2021 EBAN – è possibile applicare entro il 31º maggio!
Questa è un'occasione d'oro per le startup di unirsi virtualmente a centinaia di investitori e aziende il 16-18 giugno – creare connessioni, imparare da esperti e poter fare pitch di fronte ai migliori investitori e business angels!
L'invito rimane aperto fino al 31º maggio – si applica tramite il link indicato di seguito.
Criteri di selezione
  • imprese in fase iniziale (non più di 5 anni);
  • Raccolta di fondi per un investimento azionario compreso tra 50.000 euro – 5.000.000 euro;
  • Società con sede in qualsiasi paese dell'UE.
Le istruzioni per l'applicazione da parte delle start-up sono disponibili qui: Https://ebancongress.com/startups-2021
Le start up assistite dai partner EEN avranno la possibilità di partecipare gratuitamente, per maggiori dettagli su come partecipare è necessario rivolgersi all’ufficio EEN più vicino a voi.
“DimiCome – Diversity Management e Integrazione. Le competenze dei migranti nel mercato del lavoro”, formazione personalizzata per le aziende venete.
Il progetto DIMICOME – guidato dalla Fondazione ISMU di Milano e finanziato dal FAMI (Fondo Asilo, Migrazione, Integrazione) del Ministero dell’Interno – mira a promuovere l’integrazione economica dei migranti attraverso la valorizzazione delle loro peculiarità e competenze, massimizzandone l’impatto positivo sulla competitività aziendale.
Nell’ambito del progetto, l’Università di Verona, con il supporto di Unioncamere Veneto, propone alle imprese della nostra regione un percorso di capacity building finalizzato a co-progettare politiche e strategie di gestione (anche in un’ottica di valorizzazione) della diversità culturale presente tra i propri lavoratori. Si tratta di un servizio di consulenza gratuito fornito dall’Università, da strutturarsi indicativamente in 3 incontri della durata di 2 ore ciascuno. Le sessioni di lavoro si svolgeranno on-line attraverso la piattaforma Zoom e possono essere rivolte a diverse figure aziendali (esponenti di vertice, risorse umane, supervisori, responsabili di funzione, rappresentanti sindacali, lavoratori, eccetera) e, a seconda del target e del percorso concordato con l’azienda, approfondiranno la filosofia, i processi e gli strumenti del Diversity Management.
Requisiti:
  • l’organizzazione deve avere almeno un’unità operativa in Veneto (può eventualmente avere sede legale altrove);
  • avere già in organico lavoratori di origine straniera oppure essere pronta ad accoglierne in prospettiva, anche attraverso programmi dedicati (per es. tirocini attivati in collaborazione con SIPROIMI);
  • avere intenzione di investire/migliorare in tema di diversity.
Tempi:
  • realizzazione della consulenza entro il 30 Ottobre (con un calendario personalizzato con ogni azienda).
Per maggiori informazioni:
Giulia Selmi – giulia.selmi@univr.it, Tel. 347-1346652
Giorgio Gosetti – giorgio.gosetti@univr.it
CONSULTAZIONE EUROPEA SULL’ INIZIATIVA PER I PRODOTTI SOSTENIBILI
La Commissione Europea invita le PMI a partecipare ad una Consultazione pubblica che mira a raccogliere le opinioni delle piccole e medie imprese sull'Iniziativa per i prodotti sostenibili (SPI), annunciata dalla Commissione europea nel Piano d'azione per l'economia circolare (CEAP) dello scorso anno e che dovrebbe essere realizzata verso la fine del 2021.
Tale iniziativa mirerà a rendere i prodotti immessi sul mercato dell'UE adatti a un'economia climaticamente neutra, efficiente sotto il profilo delle risorse e dell’economia circolare, volta a ridurre gli sprechi ed a garantire che le prestazioni dei pionieri della sostenibilità diventino progressivamente la norma.
Una parte fondamentale dell’iniziativa per i prodotti sostenibili (SPI) si concentrerà sull'ampliamento del campo di applicazione della direttiva sulla progettazione ecocompatibile (Ecodesign) oltre ai prodotti legati all'energia, in modo da renderla applicabile alla gamma più ampia possibile di prodotti e garantirne la circolarità. Il Piano d'azione per l'economia circolare, identifica un elenco di catene del valore a cui dovrebbe essere data la priorità, secondo l’iniziativa, per i prodotti sostenibili, ma chiarisce che ulteriori gruppi di prodotti saranno identificati in base al loro impatto ambientale ed al potenziale di circolarità.
Nel contesto di questa indagine, i prodotti sostenibili possono essere intesi come quei beni e servizi progettati per avere una lunga durata; sono durevoli, riparabili, aggiornabili e fabbricati con un impatto minimo sull'ambiente ed il loro impatto e le loro emissioni sono ridotti al minimo durante il loro ciclo di vita. A volte sono facili da identificare sul mercato perché possono essere idonei a detenere un marchio di qualità ecologica ufficiale dell'UE (EU ecolabel).
Lo scopo di questa consultazione è raccogliere i pareri chiave e testimonianze sulle misure previste dalle piccole e medie imprese.
Di seguito il link al questionario per partecipare alla consultazione.
Ogni operatore interessato avrà la possibilità di rispondere al questionario proposto dalla Commissione, dando un contributo concreto.
Il questionario dovrà essere compilato entro e non oltre l’11 giugno 2021.
Le informazioni inviate saranno trattate con la massima riservatezza.
I partecipanti non saranno identificati sulla base delle risposte fornite.
ITALY MEETS DIGITAL KOSOVO - VIRTUAL EVENT 24-25 GIUGNO 2021
Unioncamere del Veneto-Eurosportello, AREA Science Park, Prishtina REA, STIKK in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia in Kosovo, Ministero dell’Industria, Imprenditorialità e Commercio della Repubblica del Kosovo e Il Centro per l’Innovazione del Kosovo (ICK) organizzano nell’ambito delle attività di Enterprise Europe Network (600 uffici presenti in 66 Paesi del mondo) il brokerage event dedicato alle aziende del settore ICT dal 24 al 25 giugno p.v.

Sito dell’iniziativa

https://b2bitalymeetsdigitalkosovo.b2match.io/

L’iniziativa
Italy meets Digital Kosovo si pone come obiettivo quello di presentare le opportunità di collaborazione tra Italia e Kosovo nel settore ICT.
Il settore ICT in Kosovo è relativamente nuovo, tuttavia si sta sviluppando rapidamente e un numero considerevole di aziende lavora nel mercato estero. Il 61% delle aziende ICT che partecipano ad attività di ricerca lavorano a livello internazionale, per queste aziende il mercato locale rappresenta solamente il 39% del loro mercato.
I mercati orizzontali locali più popolari sono la gestione dei documenti, seguita da Business intelligence/Data Warehousing, ottimizzazione dei processi aziendali, e-commerce e manutenzione dei prodotti, supporto e personalizzazione
Il forte dinamismo delle aziende in particolare delle start up, la loro propensione alle collaborazioni internazionali e il livello di competenza rappresentano elementi chiave per poter sviluppare una cooperazione che con le aziende ICT italiane.
Il giorno 24 giugno si terrà un webinar che presenterà i principali interlocutori istituzionali, centri di ricerca e aziende ICT a Pristina e includerà presentazioni di progetti UE e piattaforme open source che potrebbero diventare ponti infrastrutturali tra i due paesi.
Nel pomeriggio del 24 giugno e il giorno 25 giugno le aziende che si registreranno all’iniziativa avranno l’opportunità di partecipare ad un evento B2B virtuale. Il gruppo target dell'evento sono tutte le aziende, gli enti di ricerca e i moltiplicatori che si occupano dei temi dell'ICT.

A chi si rivolge
L'iniziativa è rivolta a startup, PMI, università e centri di ricerca in Italia e Kosovo specializzati in:
  1. Sviluppo e manutenzione web (web marketing): nuovi approcci e strategie nello sviluppo web, nuove tecnologie e integrazione con differenti piattaforme, manutenzione web, tecnologia cloud, big data, analisi, ecc.
  2. Business Process Outsourcing (BPO): soluzioni per aumentare l'efficienza nei processi interni delle aziende.
  3. e-Health: - Software e soluzioni dedicati al settore sanitario, applicazioni per la gestione dell’inventario, del paziente, fornitori, ecc.
  4. FinTech Solutions & Banking Systems: sviluppo di applicazioni mobili, soluzioni di sicurezza informatica, Soluzioni CRM, soluzioni operative, soluzioni di archiviazione, protezione dei dati, analisi dei dati, ecc.
La partecipazione al webinar e al brokerage event è gratuita.

Per assistenza
dott.ssa Stefania De Santi Tel. 041 0999411 e-mail stefania.desanti@eurosportelloveneto.it .
CICLO DI WEBINAR GRATUITI PER ASPIRANTI IMPRENDITORI E IMPRESE
La Camera di Commercio di Vicenza, ufficio POI Primo Orientamento Imprese in collaborazione con le Associazioni di categoria, Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Vicenza, Ordine dei Consulenti del Lavoro di Vicenza, Rotary Club di Vicenza e con l'assistenza tecnica del PID - Punto Impresa Digitale dell'azienda speciale Made in Vicenza, ha organizzato un ciclo di WEBINAR su varie tematiche di interesse delle imprese del territorio della provincia di Vicenza.
Le attività si svolgeranno da aprile a giugno 2021. Qui potete consultare l'elenco degli incontri e le tematiche che verranno trattate: https://www.vi.camcom.it/it/appuntamenti/webinar-apr-giu21.html
Questionario di gradimento dei servizi Unioncamere - Eurosportello del Veneto
Per una valutazione dei servizi offerti nel nostro territorio, vi chiediamo di rispondere a un breve questionario che ci permetterà di conoscere meglio l'utilizzo dei nostri servizi da parte delle imprese e dei soggetti del territorio e il vostro grado di soddisfazione.
Il questionario è anonimo ed è possibile accedervi cliccando qui.

Vi ringraziamo anticipatamente per la collaborazione!
fornitura di servizi specialistici e di consulenza
Appello alla manifestazione d'interesse - fornitura di servizi specialistici e di consulenza per Unioncamere del Veneto - Eurosportello del Veneto
NORMATIVA COMUNITARIA
QUESTIONI GENERALI, ISTITUZIONALI E FINANZIARIE
Raccomandazione di RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO che formula un parere del Consiglio sul programma di stabilità 2021 dell'Italia {SWD(2021)501final} COM(2021) 512 final
RELAZIONE DELLA COMMISSIONE Belgio, Bulgaria, Cechia, Danimarca, Germania, Estonia, Irlanda, Grecia, Spagna, Francia, Croazia, Italia, Cipro, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Ungheria, Malta, Paesi Bassi, Austria, Polonia, Portogallo, Slovenia, Slovacchia, Finlandia e Svezia Relazione preparata a norma dell'articolo 126, paragrafo 3, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea COM(2021) 529 final
COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO, AL COMITATO DELLE REGIONI E ALLA BANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI Coordinamento delle politiche economiche nel 2021: superare la COVID-19, sostenere la ripresa e modernizzare la nostra economia (SWD(2021)401final} - {SWD(2021)402final} - {SWD(2021)403final} - {SWD(2021)404final} - {SWD(2021)405final} - {SWD(2021)406final} - {SWD(2021)407final} - {SWD(2021)408final} - {SWD(2021)409final} - {SWD(2021)410final} - {SWD(2021)411final} - {SWD(2021)412final}
COM(2021) 500 final
POLITICA SOCIALE
COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO a norma dell'articolo 294, paragrafo 6, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea riguardante la posizione del Consiglio ai fini dell'adozione di una proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio recante le disposizioni comuni applicabili al Fondo europeo di sviluppo regionale, al Fondo sociale europeo Plus, al Fondo di coesione, al Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca e le regole finanziarie applicabili a tali fondi e al Fondo asilo e migrazione, al Fondo per la sicurezza interna e allo Strumento per la gestione delle frontiere e i visti COM(2021) 291 final 2018/0196 (COD)
POLITICA REGIONALE E COORDINAMENTO DEGLI STRUMENTI STRUTTURALI
COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO a norma dell'articolo 294, paragrafo 6, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea riguardante laposizione del Consiglio ai fini dell'adozione del regolamento relativo al Fondo europeo di sviluppo regionale e al Fondo di coesione COM(2021) 283 final 2018/0197 (COD)
COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO a norma dell'articolo 294, paragrafo 6, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea riguardante la posizione del Consiglio sull'adozione di un regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al Fondo sociale europeo Plus (FSE+) COM/2021/298 final
Segue un elenco delle risorse relative ai contenuti del documento
Link al documento 1
Link al documento 2
TUTELA DELLA SALUTE
RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO sull'applicazione del regolamento (UE) n.528/2021 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alla messa a disposizione sul mercato e all'uso dei biocidi{SWD(2021)128final} COM(2021) 287 final
gare d'appalto
Visualizza le GARE D'APPALTO per lavori, servizi e forniture.
Per ricevere le gare selezionate in base al vostro settore d'attività, iscrivetevi al servizio gratuito EUROAPPALTI.
ricerca partner
Ricerca le Idee progettuali di partner stranieri interessati a presentare progetti europei con partner italiani.
bandi europei
Apri l'elenco completo dei bandi UE aperti, selezionati dalla Gazzetta ufficiale serie C e dai siti delle diverse Direzioni Generali dell'Europea.
bandi e fondi strutturali
ASSE 3 AZIONE 3.1.1
BANDO PER CONTRIBUTI A SUPPORTO DELLE PROFESSIONI TURISTICHE COLPITE DELL'EMERGENZA EPIDEMIOLOGICA DA COVID-19
Vai al bando
BANDI POR FESR
Clicca sul pulsante per consultare i bandi POR FESR fin'ora pubblicati
Vai ai bandi
BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE PER IL RICONOSCIMENTO DEI DISTRETTI DEL CIBO. LEGGE 27 DICEMBRE 2017 N. 205
Con DGR 151 del 19/02/2021 sono state approvate modifiche e integrazioni alla deliberazione n. 1863 del 17 dicembre 2019 rispetto alle "Disposizioni attuative per il riconoscimento dei distretti del cibo. Legge 27 dicembre 2017 n. 205 Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020"
Pubblicazione: 10/03/2021
Scadenza: 31/12/2022 23:59
Per visionare il bando completo:
https://bandi.regione.veneto.it/Public/Dettaglio?idAtto=4267&fromPage=Elenco&high=
eurocooperazioni
Visualizza l'elenco delle aziende straniere che cercano cooperazioni internazionali.

sportello bruxelles

NEWS
Aiuti di Stato: la Commissione approva un regime da 800 milioni di € dello Stato italiano a sostegno delle imprese nel contesto della pandemia di COVID-19 e per lo sviluppo e la produzione di prodotti connessi al coronavirus
La Commissione europea ha approvato un regime da 800 milioni di € dello Stato italiano a sostegno delle imprese colpite dalla pandemia di coronavirus che operano in Italia nell'ambito dei "contratti di sviluppo" per l'attuazione di progetti prioritari. Il regime è stato approvato a titolo di diverse sezioni del quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'economia nell'attuale emergenza COVID-19.
Link
La Commissione e Breakthrough Energy Catalyst annunciano un nuovo partenariato a sostegno degli investimenti nelle tecnologie pulite per le industrie a basse emissioni di carbonio
La presidente della Commissione Ursula von der Leyen e Bill Gates hanno annunciato oggi un partenariato pionieristico tra la Commissione europea e Breakthrough Energy Catalyst per stimolare gli investimenti nelle tecnologie indispensabili per il clima che consentiranno di portare l'economia a zero emissioni nette. Presentato in occasione della sesta riunione ministeriale di "Mission Innovation", il nuovo partenariato mira a mobilitare, tra il 2022 e il 2026, fino a 820 milioni di EUR/1 miliardo di USD di nuovi investimenti in grandi progetti dimostrativi commerciali di tecnologie pulite, riducendone i costi, accelerandone la diffusione e realizzando riduzioni significative delle emissioni di CO2 in linea con l'accordo di Parigi.
Link
NextGenerationEU: la Commissione europea emetterà circa 80 miliardi di Euro in obbligazioni a lungo termine nel quadro del piano di finanziamento per il 2021
A seguito dell'approvazione della decisione relativa alle risorse proprie da parte di tutti gli Stati membri dell'UE, la Commissione può ora iniziare a reperire risorse per finanziare la ripresa dell'Europa tramite NextGenerationEU. A tal fine la Commissione europea oggi ha annunciato che nel 2021 prevede di emettere obbligazioni a lungo termine per un valore approssimativo di 80 miliardi di €, che saranno integrate da decine di miliardi di € in buoni dell'UE a breve termine a copertura delle restanti esigenze di finanziamento.
Link

sportello apre

NEWS
Mission Innovation lancia una nuova alleanza globale sull’idrogeno verde
La Missione aiuterà paesi, imprese e istituti di ricerca ad accelerare l’innovazione per l’idrogeno pulito
Durante il 6° incontro Ministeriale della Mission Innovation (MI), 22 paesi – tra cui l’Italia – e la Commissione europea, hanno raggiunto un impegno comune per collaborare ad un’iniziativa scaturita dalla seconda fase della MI, denominata Clean Hydrogen Mission.
L’obiettivo della Clean Hydrogen Mission sarà quello di ridurre il costo dell’idrogeno pulito per i consumatori entro il 2030 e di stabilire almeno 100 Clean Hydrogen Valley in tutto il mondo. Queste ultime ridefiniranno le catene del valore dell’idrogeno, includendo nel processo la produzione, l’immagazzinamento e la distribuzione di idrogeno verde.
Pe quanto riguarda le tempistiche, la Clean Hydrogen Mission condurrà una prima fase pilota di cinque anni e, a seconda dei progressi raggiunti nello sviluppo della tecnologia, si potrebbe veder estesa per altri cinque anni al fine di raggiungere gli obiettivi chiave fissati al 2030. Il tutto rispettando gli obiettivi climatici al 2030 e al 2050 previsti nel Green Deal europeo.
Il contesto
Lanciata per la prima volta nel 2015 a latere dell’Accordo di Parigi sul Clima, la Mission Innovation (MI) propone una piattaforma di collaborazione tra governi, autorità pubbliche, imprese, investitori e mondo accademico per sviluppare energie pulite che siano ampiamente accessibili a livello globale, con l’obiettivo di raggiungere le ambizioni proposte dall’accordo di Parigi.
Alla MI partecipano 22 paesi tra cui l’Australia, l’Austria, il Canada, il Cile, la Cina, la Germania, l’India, il Marocco, la Norvegia, l’Arabia Saudita, la Repubblica di Corea, il Regno Unito, gli Stati Uniti e l’Italia, più la Commissione europea.
L’esecutivo europeo è presente nell’iniziativa grazie agli sforzi e i risultati sia del partenariato-pubblico privato Fuel Cells and Hydrogen Joint Undertaking di Horizon 2020 – che diventerà Clean Hydrogen in Horizon Europe – sia della European Clean Hydrogen Alliance, che mette a disposizione una piattaforma di collaborazione per gli stakeholder più importanti nel settore dell’idrogeno verde.
Il 2 giugno 2021 scorso, i ministri degli stati coinvolti hanno rinnovato il mandato e proposto obiettivi più ambiziosi, istituendo la Mission Innovation 2.0. Quest’ultima, si propone di catalizzare l’azione globale attraverso missioni pubblico-private, stabilendo nuovi obiettivi di innovazione che possano portare a punti di svolta nel costo, nelle prestazioni o nella magnitudine delle soluzioni di energia pulita, permettendo lo scaling-up di tecnologie altrimenti rischiose per i singoli stati o i singoli privati.
In questo contesto, si è deciso di creare una terza missione, quella per l’idrogeno verde e accessibile a tutti, che andrà ad accompagnare le due già esistenti: una sulle energie rinnovabili verdi e l’altra sui trasporti internazionali sostenibili.
Maggiori informazioni
Mission Innovation launches a new global coalition to support the clean hydrogen economy | Commissione europea
EUROPEAN INNOVATION COUNCIL - EIC BOARD, APERTA LA CALL PER ESPERTI
La Commissione europea sta ricercando imprenditori, investitori e venture capitalist, capi di aziende, ricercatori e accademici con riconosciute esperienze nel campo delle tecnologie emergenti e all’avanguardia, innovazioni disruptive e di breakthrough, start-up e scale-up, ecosistemi dell’innovazione. Per saperne di più
Brokerage Horizon Europe, tutte le date degli eventi europei
DISPONIBILE LA LISTA COMPLETA DEI BROKERAGE EVENT EUROPEI, ORGANIZZATI IL GIORNO DOPO DI CIASCUN INFO DAY TEMATICO
I Brokerage Event dedicati ad Horizon Europe, organizzati dai National Contact Point (NCP) europei, offrono ai proponenti un’opportunità unica di incontrarsi e discutere le proprie idee e competenze con nuovi partner e di rafforzare le proprie reti internazionali.
Ciascun Brokerage Event (BE) si svolge dopo il relativo Info Day tematico.
Di seguito la lista dei BE europei: Per maggiori informazioni sui diversi temi, è possibile consultare le pagine tematiche sul nostro sito Horizon Europe, dove potrete trovare anche i contati dei team APRE di riferimento per assistenza su ogni specifico tema.
GREEN DEAL, UN MILIARDO DI EURO PER 72 PROGETTI
IL GRANDE FINANZIAMENTO PUNTA A RENDERE L’EUROPA IL PRIMO CONTINENTE A IMPATTO CLIMATICO ZERO
Sono 72 i progetti selezionati dalla Commissione europea tra i 1550 che hanno sottomesso la propria proposta alla call Green Deal europeo, la strategia di crescita mirata a rendere sostenibile l’economia dell’Unione, un’economia che entro il 2050 non genererà emissioni nette di gas a effetto serra.
La call da 1 miliardo di euro ha ricevuto un numero di risposte senza precedenti sia dalla comunità di ricerca sia dal settore privato: tutte le proposal sono state valutate da un comitato di 800 esperti esterni, tutti con un altissimo livello di competenza e conoscenza nelle aree del bando.
Questi 72 progetti contribuiranno in modo concreto a trovare soluzioni nelle diverse aree del Green Deal:
  • rendere più ambiziosi gli obiettivi dell’Unione in materia di clima per il 2030 e il 2050;
  • garantire l’approvvigionamento di energia pulita, economica e sicura;
  • mobilitare l’industria per un’economia pulita e circolare;
  • costruire e ristrutturare in modo efficiente sotto il profilo energetico e delle risorse
  • accelerare la transizione verso una mobilità sostenibile e intelligente
  • progettare un sistema alimentare giusto, sano e rispettoso dell’ambiente
  • preservare e ripristinare gli ecosistemi e la biodiversità
  • obiettivo “inquinamento zero” per un ambiente privo di sostanze tossiche
In più due settori orizzontali, il rafforzamento delle conoscenze e la responsabilizzazione dei cittadini, che offrono una prospettiva più a lungo termine per realizzare le trasformazioni delineate nel Green Deal.
La Commissaria europea per la ricerca e l’innovazione Mariya Gabriel ha commentato molto positivamente la buona riuscita della call: «Questo bando da 1 miliardo di € sarà l’ultimo nel quadro di Horizon 2020, ma anche il più corposo. Si tratta di un investimento incentrato sull’innovazione che imprimerà un’accelerazione alla transizione giusta e sostenibile verso un’Europa a impatto climatico zero entro il 2050. Poiché in questa trasformazione sistemica non vogliamo lasciare indietro nessuno, siamo interessati ad azioni specifiche per interagire in modi nuovi con i cittadini e dare più rilievo agli aspetti sociali».
Maggiori informazioni
European Green Deal Call: Commission funds 72 projects with €1 billion to boost the EU’s green recovery (3 giugno 2021)
Scheda informativa “European Green Deal call”
Ricerca e innovazione per il Grean Deal europeo
Green Deal europeo
L'Helpdesk incontra le imprese
Prossimi incontri il 7 e il 22 giugno 2021 solo in modalità videoconferenza.
Le imprese hanno la possibilità di richiedere un incontro individuale con gli esperti dell'Helpdesk REACH per discutere direttamente la soluzione a specifiche problematiche.
Gli incontri si svolgono generalmente a Roma presso la sede del Ministero dello Sviluppo Economico in via Molise 2 nella fascia oraria 10.00 - 14.00 con una frequenza di due volte al mese. In ottemperanza alle disposizioni di sicurezza per contenere la diffusione del virus Covid-19 non è possibile organizzare incontri fisici. Dal mese di marzo 2020 e fino alla fine dell'emergenza gli openday avranno luogo in videoconferenza in orario da concordare.
Per richiedere l'incontro con gli esperti dell'Helpdesk REACH è necessario inoltrare un quesito dettagliato con la problematica che si intende affrontare durante l'incontro attraverso la funzione "Invia un quesito", 10 giorni lavorativi prima della data prevista per l'incontro. Nel titolo del quesito o nel testo è necessario specificare che si tratta di un quesito da discutere durante l'open day del giorno "x".
Gli incontri si intenderanno confermati successivamente alla ricezione di apposita comunicazione dell'Helpdesk, in cui verrà fornita anche indicazione dell'orario.
EUROPEAN RESEARCH & INNOVATION DAYS
IL 23 E IL 24 GIUGNO SI TERRANNO GLI EUROPEAN RESEARCH & INNOVATION DAYS.
L’edizione di quest’anno segnerà il lancio ufficiale di Horizon Europe, il nuovo programma di ricerca e innovazione dell’UE (2021-2027).
L’agenda dell’evento si concentrerà sulle nuove iniziative per rafforzare lo spazio di ricerca europeo e riserverà attenzione all’importanza della ricerca collettiva e dell’innovazione nell’era post COVID-19 per la ripartenza e per un futuro più verde e digitale.
Per maggiori informazioni: e-mail: segreteria@apre.it

GOINg abroad, a cura di eurocultura

Eurocultura, fondata nel 1993, è un'associazione culturale con sede a Vicenza, che gli è assegnata il compito di facilitare i propri soci nella realizzazione di attività di lavoro, stage, volontariato e formazione all'estero. Il suo obiettivo è di fornire un quadro completo sia delle opportunità all'estero sia delle difficoltà da superare, il che permette ai soci di trovare l'offerta adeguata alle proprie necessità. .

Eurocultura
Via del Mercato Nuovo, 44/G
36100 Vicenza
tel. 0444 - 964 770
fax 0444 - 960 129
info@eurocultura.it
www.eurocultura.it

CONTATTI

Per non ricevere la newsletter cliccare QUI
Eurosportello informa - Anno XXV N 11 2021
Pubblicazione quindicinale di Eurosportello del Veneto
Via delle Industrie 19/d 30175 Venezia-Marghera Tel.041 0999411 Fax. 041 0999401
www.eurosportelloveneto.it e-mail: europa@eurosportelloveneto.it

Autorizzazione del Tribunale di Venezia n. 1376 del 15/12/00
Direttore Responsabile: Roberto Crosta
Comitato di redazione: Roberta Lazzari

Hanno collaborato: Roberto Bassetto, Chiara Bianchini, Rossana Colombo,
Stefania De Santi, Laura Manente, Eleonora Marton, Filippo Mazzariol, Samuele Saorin,
Alessandra Vianello, Alessandro Vianello