EUROSPORTELLO  INFORMA

n°20
15 novembre 2015
EVENTO: "GLI STRUMENTI FINANZIARI A SOSTEGNO DELL'INNOVAZIONE"
MESTRE, 19 NOVEMBRE 2015
La Commissione Europea ha lanciato per il periodo 2014-2020 strumenti finanziari specifici per supportare le imprese innovative in particolare attraverso il Fondo Europeo per gli Investimenti – FEI. Unioncamere del Veneto, in qualità di membro e coordinatore per il Nord Est della rete Enterprise Europe Network, organizza in occasione della Settimana Europea delle PMI, una conferenza su questo argomento con lo scopo di fornire informazioni su come agiscono questi strumenti e che tipo di azioni finanziano.
Alla conferenza interverranno in qualità di relatori gli intermediari selezionati dalla Commissione Europea per l’erogazione dei finanziamenti supportati dal programma COSME, Innovfin e EFSI (Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici). Inoltre verrà presentata l’iniziativa promossa da Veneto Sviluppo in coordinamento con la Banca Europea per gli investimenti “Hydrobond”, minibond per il settore della gestione dell’acqua, quale opportunità da applicare ad altri settori strategici. 
L’evento “Gli strumenti finanziari a sostegno dell'innovazione” si terrà a Venezia Mestre presso l’hotel Laguna Palace il giorno 19 novembre alle ore 9.30. Qualora interessati si prega di effettuare la registrazione on line entro il 16 novembre p.v. al seguente link http://register.unioncamereveneto.it/form/458876, la partecipazione è gratuita. 
La conferenza si rivolge in particolare ad aziende, potenziali imprenditori, associazioni di categoria, professionisti. 
Per maggiori informazioni potete contattare Unioncamere del Veneto – Eurosportello, ref. dott.ssa Stefania De Santi tel. 0410999411 e-mail: europa@eurosportelloveneto.it 
  
  
  
  
  

  
  
   EUROSPORTELLO
   

  
  
   Questionario di gradimento dei servizi Unioncamere - Eurosportello del Veneto
  
   Per una valutazione dei servizi offerti nel nostro territorio, vi chiediamo di rispondere a un breve questionario che ci permetterà di conoscere meglio l’utilizzo dei nostri servizi da parte delle imprese e dei soggetti del territorio e il vostro grado di soddisfazione.
Il questionario è anonimo ed è possibile accedervi cliccando qui.

Vi ringraziamo anticipatamente per la collaborazione!
  
  
  

   iniziative di prossima attuazione
  
   APPELLO ALLA MANIFESTAZIONE D'INTERESSE - FORNITURA DI SERVIZI SPECIALISTICI E DI CONSULENZA PER UNIONCAMERE DEL VENETO - EUROSPORTELLO DEL VENETO
  
  
  
  

   EVENTI E APPROFONDIMENTI
EUROSPORTELLO DI UNIONCAMERE VENETO PRESENTA IL PROGRAMMA ERASMUS PER IMPRENDITORI ALL’OPEN WEEK IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE DEL VENETO 
Anche quest’anno, in occasione dell’OPEN WEEK IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE DEL VENETO, promossa dal Programma Regionale di promozione dell’imprenditoria giovanile e femminile in Veneto 2014-2015, Eurosportello Veneto sarà presente in tutte le provincie del Veneto per presentare il Programma Erasmus per Imprenditori (http://www.erasmus-entrepreneurs.eu/).
Dove e quando: 
VICENZA venerdì 13.11.2015 
VERONA mercoledì 18.11.2015 
PADOVA mercoledì 18.11.2015 
ROVIGO venerdì 20.11.15 
TREVISO lunedì 23.11.15 
VENEZIA martedì 24.11.15 
BELLUNO mercoledì 25.11.15 

Alla pagina http://imprenditoriafemminilegiovanile.regione.veneto.it/ è possibile scaricare le locandine e visualizzare il programma di tutti gli eventi.
Per informazioni, rivolgersi a Eurosportello Veneto: tel. 041 0999 411, email europa@eurosportelloveneto.it 
SME WEEK 2015 E PROG. SMART INNO - LA PIATTAFORMA SMART INNO A SOSTEGNO DELL’INNOVAZIONE
MESTRE 16 NOVEMBRE 2015
All’interno della Settimana Europea delle PMI 2015, l’iniziativa della Commissione europea a sostegno delle imprese e dell’imprenditorialità, Unioncamere del Veneto organizza nella giornata Lunedì 16/11/2015, dalle 14:30 alle 17:30, un evento dal titolo La piattaforma SMART INNO a sostegno dell’Innovazione.
L’evento intende promuovere la piattaforma “IOANIAN-ADRIATIC Innovation Hub”, sviluppata nell’ambito del progetto SMART INNO, co-finanziato dal programma IPA Adriatico CBC per sostenere lo sviluppo di aziende innovative, start up e spin off dell’area Adriatica.
Costruita sulla base delle esigenze espresse da imprese, policy makers, investitori, ricercatori ed organizzazioni intermedie, raccolte tramite 386 questionari e 165 interviste, la piattaforma è l’unica esistente in area Ionico-Adriatico con l’obiettivo di cercare di riunire, in un solo portale, i servizi di possibile interesse per le imprese innovative. La piattaforma intende così dare struttura ad un’eccessiva frammentazione delle risorse e delle informazioni a disposizione degli imprenditori innovativi.
Essa è suddivisa in varie aree:
  • Ecosistema dell’Innovazione: consta di una mappa dell’ecosistema adriatico dell’Innovazione (Innovation map), con oltre 279 utenti (già iscritti) tra imprese, incubatori, parchi tecnologici, enti intermediari, consulenti, ricercatori in 8 paesi dell’Unione europea e IPA (Italia, Albania, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Grecia, Montenegro, Serbia, Slovenia).
  • Talents and Courses: è un. area di networking dove è possibile trovare le professionalità più adatte per il proprio team di progetto e/o trovare lavoro (tramite il portale Jobical); sono anche disponibili i corsi e i training più adatti per migliorare le proprie competenze (sia fisici sia in remoto);
  • Funding: con le opportunità di accesso alla finanza alternativa (piattaforme di Crowdfunding, Business Angels, etc.).
A seguito della presentazione della piattaforma è prevista una Tavola rotonda dal titolo L’utilizzo di piattaforme dedicate per stimolare e sostenere progetti innovativi di impresa, in cui vi sarà un momento di confronto costruttivo tra i promotori di piattaforme per l’innovazione e le istituzioni che rappresentano gli interessi delle PMI e degli ecosistemi dell’innovazione regionale.
L’evento è destinato ad imprese innovative, Camere di Commercio e loro Aziende Speciali, Associazioni di impresa, consulenti d’azienda, enti che a vario titolo si occupano di Innovazione (Parchi scientifici e tecnologici, incubatori etc). 
Esso si terrà a Venezia Mestre presso l’Hotel Laguna Palace (Viale Ancona 2).
Qualora interessati si prega di effettuare la registrazione on line entro Sabato 14 Novembre p.v. al seguente link http://register.unioncamereveneto.it/form/913225 
La partecipazione all’evento è gratuita.
Per maggiori informazioni si prega di contattare Unioncamere del veneto – Eurosportello, ref. dr.ssa Flavia Di noto, dr.ssa Sara Momi, tel. 041 099 9411, email: europa@eurosportelloveneto.it  
CICLO GRATUITO DEI FILM FINALISTI DEL PREMIO LUX 2015 SULLA DIVERSITA CULTURALE
Dal 16 al 30 novembre 2015 si svolge a Mestre il ciclo dei 3 film finalisti 2015 del Premio Lux del Parlamento europeo.
La rassegna cinematografica si tiene al Cinema Dante d’essai (Via Sernaglia 12,Mestre) alle 16.00 con presentazione, proiezione film e dibattito. Ingresso libero fino ad esaurimento posti. I film sono proiettati in lingua originale con sottotitoli in italiano. Il Premio LUX del Parlamento europeo è giunto alla sua IX edizione nel 2015 con la convinzione che esista un "cinema europeo" in grado di superare le barriere nazionali e di veicolare un dialogo sull'Europa di oggi, mettendo in luce le contraddizioni ma anche i valori e le idee sul futuro.
Calendario:
  • lunedì 16 novembre 2015 ore 16.00 MEDITERRANEA di Jonas Carpignano;
  • lunedì 23 novembre 2015 ore 16.00 UROK (The Lesson) di Kristina Grozeva;
  • lunedì 30 novembre 2015 or e16.00 MUSTANG di Deniz Gamze.
Programma completo: www.comune.venezia.it/europedirect 
Locandina
Ulteriori informazioni
CALL FOR PAPERS - 32° CONGRESSO SCIENZA E BENI CULTURALI
Siamo lieti di informarvi che dal 28 giugno al 1 luglio si terrà a Bressanone il 32° Convegno internazionale Scienza e Beni Culturali.
Il Congresso è organizzato dall'Associazione Scienza e Beni Culturali in collaborazione con Università Studi di Padova, Università Ca’ Foscari di Venezia, Università Studi di Genova, Politecnico di Milano.
Il convegno si propone di superare gli attuali rischi di marginalizzazione del Restauro, o quelli speculari di un suo semplice sfruttamento strumentale, ad opera di altri protagonisti che spesso agiscono per interessi e scopi assai lontani dalla tutela e dalla salvaguardia. 
La comunità scientifica, culturale e professionale del restauro, che da sempre si ritrova nella speciale Agorà di Bressanone, è chiamata a dare il proprio attivo contributo a questa nuova avventura del pensiero e dell’azione, coinvolgendo nuove intelligenze e competenze, per rafforzare il perseguimento dei fini comuni.
In particolare si auspicano contributi che affrontino il rapporto tra eresia ed ortodossia rispetto alle seguenti tematiche:
  • Riflessioni sulla storia del restauro e la sua continua “rilettura” critica
  • Rilettura critica degli interventi passati
  • Sperimentazioni di soluzioni, attraverso la pratica multidisciplinare del progetto e della programmazione, oltre la logica dell’evento concluso in sé e aperta alla natura processuale del divenire.
  • Pratiche operative, in ogni settore coinvolto e a tutti livelli dell’intervento, dalla programmazione, alla realizzazione in cantiere, alla manutenzione ed alla gestione successiva del bene restaurato
  • Ricerca di fondamenti teorici (ideali), delle diverse discipline coinvolte nella gestione del Patrimonio Culturale
  • Approcci innovativi (metodi di indagine, materiali, tecnologie, interventi)
  • Riflessioni su Reversibilità, Compatibilità, Durabilità
  • Esperienze di interventi significativi
  • Nuove esigenze: impiantistiche, anti-sismiche, ambientali,
  • Proposte teoriche e metodologiche per affrontare i cambiamenti climatici in atto
Agli autori dei contributi scientifici selezionati verrà richiesto di inviare un testo esteso.
Termine per l’invio dell’abstract 16 gennaio 2016, termie d’invio del testo definitivo 16 aprile 2016
Per ulteriori informazioni vi invitiamo a prendere visione della circolare

ed a visitare il sito:
http://www.scienzaebeniculturali.it
SVILUPPO SOSTENIBILE, LAVORO E AMBIENTE
Bruxelles, 2015/06/11 (Agence Europe) - Venerdì 6 novembre, la Commissione europea ha pubblicato la sua proposta sulle disposizioni per lo sviluppo sostenibile, il lavoro e l'ambiente, come parte dell'accordo di partenariato e commercio e gli investimenti transatlantici. La Commissione dà garanzie che la proposta dell'UE ipotizza un approccio integrato per il commercio e lo sviluppo sostenibile, compreso per il lavoro e l'ambiente, e dice che la proposta riafferma il diritto dei governi di regolamentare sul lavoro e la tutela dell'ambiente.
Per quanto riguarda l'ambiente, le disposizioni UE-proposte mirano a rafforzare la cooperazione transatlantica in materia di lotta al disboscamento illegale, la pesca illegale, o commercio illegale di specie animali protette. Hanno anche lo scopo di favorire la conservazione della biodiversità e degli ecosistemi, misure di esecuzione per garantire l'uso e la gestione sostenibili delle risorse naturali - in particolare in settori come le foreste, la pesca, la fauna selvatica e le risorse biologiche
IMPRESE: LA COMMISSIONE VUOLE AIUTARE LE IMPRESE IN MERITO AL SAFE HARBOR
Bruxelles, 06 novembre 2015 – I Commissari europei Andrus Ansip (mercato unico digitale) e Věra Jourová (Giustizia e diritti dei consumatori) hanno fornito una serie di orientamenti per le imprese europee e statunitensi, in seguito alla sentenza della Corte di giustizia dell'Unione europea sul regime Safe Harbor.
Nel corso di una conferenza stampa, hanno esortato gli Stati Uniti ad approvare il nuovo accordo, che, alla luce della sentenza della Corte, deve rafforzare la tutela dei cittadini europei in materia di accesso ai propri dati da parte delle autorità governative statunitensi e migliorare la supervisione legale; vigilanza e sanzioni più severe sono necessarie da parte degli Stati Uniti, anche nei confronti delle società americane che non rispettano i principi enunciati. 
La nuova disposizione Safe Harbor, che entrambe le parti concordano dovrebbe essere conclusa rapidamente, continuerà ad essere basata sul principio di autocertificazione, ma la conformità verrà richiesta con criteri più severi come richiesto dalla Commissione. 
AGRICOLTURA: NUOVO PACCHETTO DI SEMPLIFICAZIONI TECNICHE PER LA PAC
Bruxelles, 06 novembre 2015 - La Commissione europea sta ultimando un nuovo pacchetto di misure per semplificare le norme della politica agricola comune (PAC).
Come annunciato dal Commissario europeo per l'agricoltura, Phil Hogan, la Commissione si appresta a pubblicare una serie di atti al fine di semplificare il sistema integrato di gestione e di controllo (IACS), lo schema per i giovani agricoltori ed il sostegno congiunto nell'ambito della nuova PAC. I testi sono pronti e sono in fase di valutazione definitiva. La parte più importante di queste nuove misure tecniche, da presentare agli Stati membri in un prossimo futuro, riguardano i controlli, che costituisce quattro dei sei testi previsti. La Commissione propone inoltre di dare agli agricoltori la flessibilità per dichiarare la loro superficie di interesse ecologico, fornendo loro la possibilità di adattare i loro piani di crescita nel corso della stagione, cambiando la loro precendente dichiarazione in base alle nuove necessità.
FINANZA: I MINISTRI DISCUTONO RIGUARDO L’UNIONE BANCARIA E L’UNIONE ECONOMICA MONETARIA
Bruxelles, 06 novembre 2015 - I ministri delle finanze europei, martedì 10 novembre 2015, redigeranno un bilancio sui progressi concreti della risoluzione dell’Unione Bancaria e discuteranno le proposte per rilanciare l’unione economica e monetaria.
La Commissione europea informerà il Consiglio sui progressi all’interno delle direttive per armonizzare la ristrutturazione bancaria, il recepimento viene attentamente monitorato in vista della presentazione, del sistema europeo di rassicurazione per i sistemi di garanzia dei depositi degli Stati membri.
FINANZA: UNDICI STATI MEMBRI HANNO RECEPITO LA DIRETTIVA SULLA GARANZIA DEI RISPARMI
Bruxelles, 06 novembre 2015 - A partire dal 3 novembre 2015, la metà degli Stati membri avevano notificato alla Commissione europea le misure nazionali di recepimento della direttiva UE 2014/49 di armonizzazione del deposito nazionale (risparmio) regimi di garanzia, direttiva in vigore dal luglio 2015.
Undici dichiarano di aver completamente recepito la direttiva, vale a dire: Bulgaria, Danimarca, Germania, Croazia, Lettonia, Ungheria, Austria, Portogallo, Slovacchia, Finlandia e Regno Unito. Tre hanno solamente parzialmente: Spagna, Francia e la Repubblica Ceca. Procedure di infrazione sono state avviate contro gli altri quattordici paesi per mancata comunicazione delle misure nazionali di recepimento.
Ai sensi della direttiva, gli eventuali risparmi fino a € 100.000 detenuti da persone fisiche in una banca Europea saranno al sicuro da qualsiasi bail-in se la banca fallisce, quantità temporanee superiori a € 100.000 (dalla vendita di una casa, per esempio) saranno pienamente garantite. L'applicazione delle norme di garanzia risparmio europeo è tornata al centro della scena in quanto la Commissione dichiara di attuare l'aspetto garanzia di risparmio di Union Banking in pratica, come raccomandato nella relazione in marito al rafforzamento dell’Unione Economica Monetaria.
Tale proposta, non prevede una piena mutualizzazione dei rischi nazionali, ma piuttosto un sistema di intermediazione all’interno di un sistema di assicurazione europea per i depositi a risparmio nazionali.
  
  
  

   NORMATIVA COMUNITARIA
  
PESCA
RELAZIONE della Commissione al Parlamento europeo e al Consiglio sugli sforzi compiuti dagli Stati membri nel 2013 per raggiungere un equilibrio sostenibile tra la capacità e le possibilità di pesca COM/2015/0563 final 
Link al documento 1, Link al documento 2 
  
UNIONE DOGANALE E LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE MERCI
RELAZIONE della Commissione al Consiglio sull'applicazione del regolamento (UE) n. 479/2013, del 13 maggio 2013, relativo all'esenzione dall’obbligo di dichiarazione sommaria di entrata e di uscita per le merci dell'Unione che transitano attraverso il corridoio di Neum COM(2015) 561 final
  
  
  
  
   gare d'appalto
  
   Visualizza le GARE D'APPALTO per lavori, servizi e forniture. 
Per ricevere le gare selezionate in base al vostro settore d’attività, iscrivetevi al servizio gratuito EUROAPPALTI.
  
  
  
   ricerca partner
  
   Ricerca le Idee progettuali di partner stranieri interessati a presentare progetti europei con partner italiani.
  
  
  

   bandi europei
  
   Apri l’elenco completo dei bandi UE aperti, selezionati dalla Gazzetta ufficiale serie C e dai siti delle diverse Direzioni Generali dell’ Europea.
  
  
  
   bandi e fondi strutturali
  
I PROGETTI INTERREGIONALI DI RICERCA E SVILUPPO DELLE PMI
VENEZIA, 25 NOVEMBRE 2015
La Sezione Cooperazione Transfrontaliera e Territoriale Europea organizzerà un incontro finale sull’azione 5.1.1 “Cooperazione interregionale” del POR CRO FESR 2007 – 2013 per tirare assieme le conclusioni sulla realizzazione dell’azione e dare uno sguardo ad alcune possibilità future.
L’evento, intitolato “Progetti interregionali di ricerca e sviluppo delle PMI”, si terrà il 25 novembre 2015 dalle ore 9.30 presso la Sala Polifunzionale del secondo piano del Palazzo della Regione, Cannaregio 23 – Venezia (a fianco della stazione ferroviaria di Venezia – Santa Lucia).
Link all'iscrizione
Programa
NEWSLETTER POR FESR
E' possibile scaricare la newsletter della Sezione Programmazione e Autorità di Gestione FESR al seguente link:
Scarica la Newsletter [file pdf 1MB]
“INTERREG V B ADRIATIC-IONIAN (ADRION)”
La Commissione Europea ha approvato il 20 ottobre scorso il nuovo Programma di Cooperazione Transnazionale “Interreg V B Adriatic-Ionian (ADRION)”. Il valore complessivo del Programma è di 118 milioni di Euro, 83.4 dal fondo FESR e quasi 16 dall’Instrument for Pre-accession Assistance (IPA II).
Clicca qui per l’annuncio del Commissario Europeo Corina Crețu responsabile per la “Regional Policy” dell’Unione
Interreg Central Europe 
Chiude il 27 novembre alle 18.00 la seconda fase del primo bando Interreg CENTRAL EUROPE, riservata alle 91 proposte progettuali selezionate dal Comitato di Sorveglianza in esito alla prima fase del bando.
Anche nella seconda fase, la candidatura va presentata via web attraverso il sistema EMS (Electronic Monitoring System), che per problemi tecnici sarà accessibile solo da venerdì 2 ottobre.
E’ possibile fin da ora scaricare dal sito di Programma l’application form completa e tutti gli allegati, nonchè iscriversi al Lead Applicant Training in programma a Praga il 20 ottobre 2015.
AVVISO PER I CANDIDATI ITALIANI:
ai fini della verifica dello status giuridico dichiarato nell’application form, gli enti che non siano inclusi nell’elenco di cui all’articolo 1 comma 2 d. lgs. 165/2001 o nell’ “Elenco delle amministrazioni pubbliche inserite nel conto economico consolidato individuate ai sensi dell’art. 1 comma 3 l. 31/12/1996, n. 196“ elaborato dall’ISTAT (Gazzetta Ufficiale n. 210 del 10/09/2014) devono inviare via mail al punto di contatto nazionale - centraleurope@regione.veneto.it lo statuto e l’atto costitutivo .
I candidati che ritengano di possedere le caratteristiche di “organismo di diritto pubblico” così come definito dall’articolo 2 (1) della Direttiva 2014/24/EU (eleggibile come partner pubblico ai sensi dell’Application Manual, parte B, sez. II 1.1. ) devono inoltre inviare a centraleurope@regione.veneto.it anche una apposita autodichiarazione, sottoscritta dal legale rappresentante.
  
  
  
  
   eurocooperazioni
  
   Visualizza l’elenco delle aziende straniere che cercano cooperazioni internazionali.
  
  
  
  
  
  
  

  
  
   I NOSTRI SPORTELLI
  

  
  
   sportellO BRUXELLES
  

  

NOTIZIE DALLA SEDE DI BRUXELLES
Primo evento organizzato dai domiciliati di SIHA: presentata la Carta Europea dei diritti dei cittadini over 65 con dolori cronici
La SIHA – Senior International Health Organization –, recentemente domiciliatasi presso la sede di Bruxelles di Unioncamere Veneto e Regione Veneto, l’11 novembre ha presentato, presso il Parlamento Europeo, la Carta Europea dei diritti dei cittadini over 65 con dolori cronici. L’evento è stato un successo ed ha visto l’immediato appoggio di ben 27 europarlamentari di diversi schieramenti politici (che si sono impegnati a presentare una dichiarazione scritta, come ha dichiarato Giovanni La Via, presidente della commissione Ambiente, Sanità Pubblica e Sicurezza Alimentare del Parlamento Europeo) e di altri network europei impegnati nel settore. Lo scopo della carta è quello di ridurre le barriere per l’accesso alle terapie necessarie e così assicurare la continuità del trattamento per questi pazienti nei diversi Paesi dell’UE, anche alla luce del costo socioeconomico che hanno le sindromi dolorose croniche. Infatti, secondo una stima di FederAnziani (membro di SIHA) i costi sanitari totali diretti ed indiretti per le patologie di dolore cronico nei 28 Stati membri variano dal 2% al 2,9% dell'Irlanda, con una media Ue del 2,4% ed un costo pari a 271 miliardi di euro all'anno. Le spese per gli anziani sono pari a quasi 90 miliardi di euro (si escludono i costi indiretti quali le giornate di lavoro perso).

APPROFONDIMENTI IN RILIEVO
Consulta anche tu l'archivio digitale della Delegazione di Unioncamere del Veneto di Bruxelles al sito http://www.eurosportelloveneto.it/report.asp. Troverai un archivio digitale con tutti i report, organizzati per tematica di riferimento, dei principali approfondimenti (eventi e commissioni parlamentari – oltre che la sezione speciale dedicata agli Open Days 2015 http://www.eurosportelloveneto.it/report_dett.asp?y=2015&t=Open%20Days%202015) eseguiti dalla delegazione di Bruxelles;
  • 1st European Microfinance Day: In data 20 ottobre lo European Microfinance Network (EMN) ha organizzato una conferenza informativa sulle diverse realtà microfinanzarie europee, osservando la situazione e le possibilità del settore finanziario – non-bancario – a livello Europeo… …Maggiori informazioni;
  • The EU’s Tourism Education & Training Offer: In data 21 ottobre 2015 la conferenza “The EU’s Tourism Education & Training Offer: a mapping exercise and performance check” ha presentato lo studio commissionato dalla DG GROW, Unità del Turismo, intrapreso dal CSES (Centre for Strategy and Evaluation Services) e NECSTouR. Vi si analizza l'offerta dell’istruzione e della formazione per il settore turistico e valuta le sue prestazioni nel fornire le competenze qualitative necessarie per il mercato del lavoro... …Maggiori informazioni;
  • Open Days 2015 – The AdriaticIonian Macroregion for Jobs and Growth: In data 15 ottobre 2015, nel contesto degli Open Days, questa conferenza è incentrata sulle possibili strategie per stimolare l’occupazione e la crescita nella Macroregione Adriatico-Ionica, nel contesto dei quattro pilastri dell’EUSAIR... …Maggiori informazioni;
ALCUNI DEI PROSSIMI EVENTI IN PROGRAMMA
  • 16 novembre: “THE LESSONS LEARNED OF EUROPEAN LEADERSHIP IN CLIMATE POLICY AND HOW THER ARE RELEVANT FOR AN AMBITIOUS COP21 DEAL”; IPC Residence Palace, Rue de la Loi 155, Brussels, 18:00
  •  
  • 18 novembre: SAVE THE DATE "HOW TRACEABILITY CAN UNLOCK THE POTENTIAL OF THE AGRIFOOD SECTOR IN THE EU”; Espace Banca Monte Paschi Belgio, Brussels, Avenue d'Auderghem 22-28 10:00
  •  
  • 23 novembre: “ERASMUS+ INFODAY KNOWLEDGE ALLIANCES AND SECTOR SKILLS ALLIANCES”; MCE Centre, Rue de l'Aqueduc 118, Brussels, 09:30
  •  
  • 26 novembre: “FINAL CONFERENCE SWIFTLY GREEN”; Procter & Gamble - Brussels Innovation Center, Boechoutlaan 105, B-1853 Strombeek 09:30
  
  
  
  
   sportellO CROAZIA
  
   Lo Sportello Croazia nasce per dare supporto alle PMI italiane nella ricerca di informazioni riguardo i fondi strutturali erogati dalle autorità croate dopo l’entrata della Repubblica di Croazia nell’Unione Europea, per il periodo 2014 - 2020. L’obiettivo principale è quello di favorire lo sviluppo degli scambi commerciali fra la Regione Istriana e Litoraneo Montana e la Regione Veneto, nonché la collaborazione fra gli investitori delle Regioni sopracitate, fornendo informazioni ed assistenza ai processi di internazionalizzazione ed esportazione con particolare riferimento alle politiche comunitarie.
Lo Sportello, fornisce informazioni a tutti gli imprenditori italiani desiderosi di saperne di più sui fondi strutturali e sulle opportunità di finanziamento che questi offrono.

Referente: Luca Pavanato
Eurosportello – Unioncamere del Veneto

Via delle Industrie, 19/d
I – 30175 Venezia
Tel. +39 041 099 9411
Fax +39 041 099 9401
E-mail: europa@eurosportelloveneto.it   
  
  
  
  
   sportellO u.s.a.
  

   Eurosportello Veneto-Stati Uniti nasce per dare assistenza e supporto informativo alle PMI Venete interessate ad investire e/o ad esplorare ed operare nel mercato americano. Con l’obiettivo di promuovere e rafforzare la cooperazione transatlantica, lo sportello fornisce informazioni e assistenza anche ad imprese americane interessate a diverse forme di cooperazione transatlantica orientandone il focus e gli obiettivi verso il territorio veneto.
Lo Sportello ha base a New York ed è il frutto di un accordo di collaborazione con l’unico ufficio della rete europea Enterprise Europe Network (EEN) presente negli Stati Uniti. Lo sportello opera coordinandosi con le istituzioni italiane, con la rete delle camere di Commercio Italiane negli Stati Uniti e con istituzioni e soggetti americani attivi nel sostegno all’imprenditoria. La costituzione e il rafforzamento di tale network sono condizione necessaria per stimolare e partecipare attivamente al Programma europeo di cooperazione transatlantica, fornendo in questo modo alle imprese strumenti e opportunità concrete di confronto costruttivo attraverso la presentazione di progetti condivisibili soprattutto nell’ambito della Ricerca e dell’innovazione.

Eurosportello Veneto - USA
c/o EABO (European American Business Organization)
Tel: +1 347 821 2384 – Fax: +1 212 972 3026
E-mail: debacco@eurosportelloveneto.it  
Referente: Beatrice De Bacco
  
  
  
  
   SPORTELLO apre
  

  
LA SFIDA DELL'INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE È IL TEMA SCELTO PER IL PRIMO PREMIO DELL'INNOVAZIONE SOCIALE IN HORIZON 2020
abbiamo il piacere di informarvi che l’agenda provvisoria della prossima giornata nazionale informativa del bando SC2 "Food security, sustainable agriculture and forestry, marine and maritime and inland water research and the bioeconomy" 2016-2017 è stata pubblicata al seguente link: http://www.apre.it/eventi/2015/ii-semestre/infoday_sc2/ 
L’evento si terrà a Roma, presso la sala convegni del CNR (Piazzale Aldo Moro 7), il prossimo 30 novembre. 
Al fine di valorizzare la vostra partecipazione alla giornata, nel pomeriggio del 30 novembre è stato organizzato un incontro mirato a facilitare l’interazione tra mondo della ricerca e PMI.
Attraverso “elevator pitch” sarà possibile presentare in 6 minuti la propria idea progettuale o le proprie competenze/tecnologie da offrire nell’ambito di un progetto di ricerca SC2 H2020. Un vero e proprio marketplace dove, come in una vetrina, sarà possibile esibire le proprie competenze ed idee o selezionare le tecnologie e expertise a completamento della propria idea progettuale.
Diverse sessioni tematiche sono state individuate sulla base degli argomenti principali del piano di lavoro SC2 (qui disponibile: http://ec.europa.eu/research/participants/data/ref/h2020/wp/2016_2017/main/h2020-wp1617-food_en.pdf ). Una sessione speciale è inoltre stata dedicata al settore della produzione di cibo tradizionale grazie al supporto dell’iniziativa europea TRADEIT.
È possibile esprime interesse alla sessione pomeridiana entro il 22 novembre al seguente link: http://goo.gl/forms/Q9D3TP2bt8  
Successivamente sarete contattati dallo staff APRE per confermare la selezione delle candidature. 
Per maggiori informazioni vi invitiamo a contattare direttamente gli organizzatori della sede di Apre Roma:.
Serena Borgna e Matteo Di Rosa
APRE - Horizon 20202 National Contact Point SC2 Bioeconomy
borgna@pre.it
dirosa@apre.it 
GIORNATA INFORMATIVA H2020 SC2 BIOECONOMY. AGENDA & SESSIONE DI NETWORKING TRA RICERCATORI E PMI - ROMA, 30.11.2015
abbiamo il piacere di informarvi che l’agenda provvisoria della prossima giornata nazionale informativa del bando SC2 "Food security, sustainable agriculture and forestry, marine and maritime and inland water research and the bioeconomy" 2016-2017 è stata pubblicata al seguente link: http://www.apre.it/eventi/2015/ii-semestre/infoday_sc2/ 
L’evento si terrà a Roma, presso la sala convegni del CNR (Piazzale Aldo Moro 7), il prossimo 30 novembre. 
Al fine di valorizzare la vostra partecipazione alla giornata, nel pomeriggio del 30 novembre è stato organizzato un incontro mirato a facilitare l’interazione tra mondo della ricerca e PMI.
Attraverso “elevator pitch” sarà possibile presentare in 6 minuti la propria idea progettuale o le proprie competenze/tecnologie da offrire nell’ambito di un progetto di ricerca SC2 H2020. Un vero e proprio marketplace dove, come in una vetrina, sarà possibile esibire le proprie competenze ed idee o selezionare le tecnologie e expertise a completamento della propria idea progettuale.
Diverse sessioni tematiche sono state individuate sulla base degli argomenti principali del piano di lavoro SC2 (qui disponibile: http://ec.europa.eu/research/participants/data/ref/h2020/wp/2016_2017/main/h2020-wp1617-food_en.pdf  ). Una sessione speciale è inoltre stata dedicata al settore della produzione di cibo tradizionale grazie al supporto dell’iniziativa europea TRADEIT.
È possibile esprime interesse alla sessione pomeridiana entro il 22 novembre al seguente link: http://goo.gl/forms/Q9D3TP2bt8 
Successivamente sarete contattati dallo staff APRE per confermare la selezione delle candidature. 
Per maggiori informazioni vi invitiamo a contattare direttamente gli organizzatori della sede di Apre Roma:.
Serena Borgna e Matteo Di Rosa
APRE - Horizon 20202 National Contact Point SC2 Bioeconomy
borgna@pre.it
; dirosa@apre.it 
   VISUALIZZA TUTTI I BANDI DI RICERCA APERTI.
  
  
  
  
  
  

  
  
   altre iniziative
  

  
  
   GOINg abroad, a cura di eurocultura
  
   Eurocultura, fondata nel 1993, è un'associazione culturale con sede a Vicenza, che gli è assegnata il compito di facilitare i propri soci nella realizzazione di attività di lavoro, stage, volontariato e formazione all'estero. Il suo obiettivo è di fornire un quadro completo sia delle opportunità all'estero sia delle difficoltà da superare, il che permette ai soci di trovare l'offerta adeguata alle proprie necessità. 

Eurocultura
Via del Mercato Nuovo, 44/G
36100 Vicenza
tel. 0444 - 964 770
fax 0444 - 960 129
info@eurocultura.it 
www.eurocultura.it 
  
IL PARERE DELL´ESPERTO
LA CASA: IN CITTÀ O IN CAMPAGNA
di Bernd Faas
Career Counsellor
Nei prossimi anni le opportunità di lavoro qualificato all’estero aumenteranno in continuazione (già oggi mancano medici e infermieri in tutta l’Europa settentrionale; maestre d'asilo, operatori turistici e commerciali con le lingue in Germania, personale IT nel Regno Unito; ingegneri, operatori CNC e personale alberghiero quasi dappertutto. 
Cresceranno sempre di più sia le occasioni di lavoro fuori dalle grandi città, sia le innovazioni nel trasporto pubblico e nel lavoro (telelavoro, part-time, settimana corta con orario giornaliero prolungato).
Serve solo un po’ di tempo in più per trovarle.
Ma . . . dove risiedere?
Città o campagna, terra anglosassone, tedesca o francofona, Europa o mondo. Quando si comincia a pensare di vivere e lavorare all’estero per un periodo medio-lungo, la zona geografica è un fattore da non trascurare. 
Una buona conoscenza della lingua e un curriculum qualificato costituiscono la base per aver successo. Ma nella preparazione devono essere considerati anche la casa e il rispettivo costo.
Nelle grandi città
Scegliere una metropoli come Londra o Dublino implica un affitto molto alto, se si vuole fare il nido in una zona centrale o semicentrale. 
A Londra una casa singola è a portata di mano solo per chi riceve una retribuzione estremamente consistente. Un bicamere, notevolmente più piccolo rispetto al corrispondente in Italia, se lo può permettere chi prende uno stipendio da bancario della City, non da commessa. Qualche volta ne servono due di stipendi per pagare, la “council tax” e le vari utenze.
Più andiamo lontano dal centro, più gli affitti diventano abbordabili. In questo caso, però, possono aumentare sensibilmente il costo dei trasporti e, se si lavora nella zona centrale, la quantità di tempo necessaria per raggiungerlo. Due e più ore al giorno non sono rare, viste le dimensioni della città.
A Berlino invece la retribuzione può essere anche inferiore del 30%, senza che, per questo, rimangano meno soldi in tasca. Si può tranquillamente abitare a meno di 30 minuti dal lavoro, perché sia gli affitti che il trasporto pubblico sono decisamente meno costosi rispetto a Londra, Dublino e Parigi. Per non parlare delle altre voci, come la spesa quotidiana, la pizza, la birra e il caffè che a Londra raggiungono anche i 30 Euro mentre a Berlino restano intorno a 15.
La scelta di abitare lontano dal posto di lavoro non significa automaticamente passare molto tempo sui mezzi di trasporto. Per esempio, abitando a Tours, che dista 235 km da Parigi, si può arrivare a Montparnasse in poco più di un’ora con il TGV (treno ad alta velocità). Oggi i treni ad alta velocità collegano Madrid a Siviglia e Barcellona, Francoforte a Berlino e Monaco, Parigi a Bruxelles ed Amsterdam. Già oggi in varie zone europee distanze di 100 km o più tra casa e lavoro si possono percorrere in meno di un’ora. Tempi impensabili con l’automobile.
Nelle città medie e in campagna
Abitare in campagna comporta probabilmente meno tempo libero durante la settimana e un notevole guadagno nella qualità del tempo libero: potendo sfruttare la natura davanti a casa per camminare o fare jogging, si risparmia la palestra e si vivono momenti di assoluto relax e sicurezza.
La scelta della città di media dimensione, invece, può coniugare i vantaggi della vita urbana e l’offerta culturale con la tranquillità e la natura della campagna. I costi per tutte le varie voci sono più bassi che nella grande città, a partire dalla serata al pub. Gli affitti sono più alti che in campagna ma sempre lontani da quelli delle metropoli.
Chi si sposta con la famiglia deve prendere in considerazione la presenza delle scuole per i figli. In campagna è un problema, mentre nelle città a partire da 20-30.000 abitanti l’offerta può essere completa.
APPRENDISTATO IN GERMANIA:
70 OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI DI COSTRUIRE IL PROPRIO FUTURO
Imparare il tedesco, svolgere un tirocinio orientativo e iniziare l'apprendistato come esperto alberghiero, commerciale estero, cuoco, infermiere geriatrico, meccanico industriale o meccatronico: 
il programma MobiPro è la rampa di lancio per gettare le basi di una carriera in una professione richiesta in Germania, in Italia e nel mondo.
Da metà gennaio 2016 Eurocultura attua a Vicenza il programma MobiPro, finanziato dal Ministero Federale del Lavoro e degli Affari Sociali della Germania. Dopo un corso di tedesco, gratuito e della durata di circa 500 ore, a giugno i giovani selezionati sostengono l'esame linguistico per il livello B1 e quindi partono per Berlino, Münster, Foresta Nera e le altre destinazione dove svolgono un tirocinio retribuito presso un’azienda locale. 
Hanno così la possibilità di verificare se la professione scelta (in albergo, nell'ufficio commerciale, nell'artigianato, nell'industria o in casa di cura) corrisponde alle proprie aspirazioni e inclinazioni. 
Chi intende proseguire, il primo agosto inizia l'apprendistato secondo il sistema duale (pratica e formazione in azienda – formazione in una scuola professionale) della durata di 36 – 42 mesi, al termine del quale potrà scegliere se rimanere in Germania ed entrare in azienda come lavoratore qualificato, tornare in Italia dove, grazie alla formazione tecnica ricevuta ed alla perfetta padronanza del tedesco, sarà sicuramente facilitato ad inserirsi nel mondo del lavoro oppure mettere a frutto le competenze tecnico-pratiche acquisite in altre parti del mondo. 
Durante tutto il percorso i giovani sono accompagnati da esperti di mobilità internazionale, sia in Italia che in Germania, che li aiutano a pianificare la propria carriera e a integrarsi nella vita tedesca.
Durante il tirocinio e l'apprendistato i giovani ricevono una retribuzione mensile di 818 Euro, somma sufficiente per per vivere dignitosamente in Germania. Ulteriori contributi sono previsti per le spese di viaggio Italia/Germania e per il trasferimento.
La prima edizione del programma MobiPro a Vicenza, tra febbraio e agosto 2015, ha visto la partecipazione di 34 giovani, 30 dei quali hanno deciso di accettare un contratto da apprendista in un’azienda tedesca ed ora stanno proseguendo con successo la loro formazione. 
Gli interessati devono possedere i seguenti requisiti: 
  • Età compresa tra i 18 e i 27 anni (alla data dell’1.8.2016)
  • Cittadinanza di un paese dell’Unione Europea,
  • Essere in possesso di diploma di qualifica professionale, diploma di scuola superiore o diploma di laurea breve (non possono essere ammessi i candidati in possesso di laurea magistrale o di secondo livello) 
  • Non aver aver già completato un contratto di apprendistato 

MobiPRo 2016 viene attuato in collaborazione con il progetto “Cercando il lavoro” (www.cercandoillavoro.it) e con il patrocinio del comune di Vicenza.
Per ulteriori informazioni:
Eurocultura
via del Mercato Nuovo 44G
36100 Vicenza
www.ingermania.it
mobipro@eurocultura.it
 
FOCUS. ENERGIE RINNOVABILI
Fornite da sole, vento, calore dalla terra, cascate, maree, piante, ecc., le energie rinnovabili generano rifiuti o emissioni in quantità minime o addirittura nulle.
Partecipano perciò alla lotta contro il riscaldamento globale e contro le emissioni di CO2 in atmosfera, facilitano la gestione razionale delle risorse locali, creano posti di lavoro.
Garantiscono un flusso inesauribile, mentre i combustibili fossili risultano in via di esaurimento.
Energie rinnovabili in Europa
Optare per le energie rinnovabili significa fare la scelta responsabile di impegnarsi per lo sviluppo sostenibile e per le generazioni future. Nel 2015, se i Paesi dell'Unione europea avranno soddisfatto i propri impegni, l'energia elettrica prodotta in Europa dovrebbe provenire da fonti rinnovabili di energia per il 25%.
La Svezia ha rinunciato ai combustibili fossili: tram a biogas, riscaldamento da biomasse, ecc. 
La Scozia investe sulle energie rinnovabili, in particolare sulle onde e sul vento d’alto mare.
La Germania si pone l’obiettivo di raggiungere il 47% di energia rinnovabile nel 2020.
Copenaghen si è già meritata il titolo di capitale più sostenibile d’Europa: quasi il 20% del fabbisogno energetico nazionale è già coperto dalle centrali eoliche, molte off-shore. Per il futuro il Governo danese punta sulle biomasse come la fonte rinnovabile che potrà dare il contributo maggiore per affrancare la Danimarca dai combustibili fossili entro il 2050.
La Spagna è oggi il secondo produttore mondiale di energia eolica ed il maggior produttore di energia solare nell’Unione europea.
Perfino la Polonia punta in misura sempre crescente sulle energie rinnovabili, che dovranno passare al 15% già nell’anno 2020 e al 20% nel 2030. A tal fine dovranno essere promossi investimenti in particolare nel settore degli impianti a biogas.
Nel corso degli ultimi anni, perciò, lo sviluppo delle energie rinnovabili in Europa ha preso uno slancio concreto. Le ragioni non sono solo ambientaliste (lotta contro le emissioni di gas serra, contro l’inquinamento, ecc.), ma anche economiche (riduzione della dipendenza energetica, ecc.).
La Commissione europea ha ribadito il proprio impegno a favore dello sviluppo delle energie rinnovabili, mediante alcune direttive (sull'elettricità verde, sull’efficienza energetica degli edifici, sui biocarburanti, sull'efficienza dei servizi energetici, ecc), la fissazione di obiettivi sviluppo su orizzonti diversi e un programma di azioni.
Da ciò derivano diversi tipi di posti di lavoro: si va dalla ricerca e dallo sviluppo alla produzione e alla distribuzione (settore industriale), ma anche informazione e sensibilizzazione, studio e progettazione per l'installazione e la manutenzione delle apparecchiature presso l'utente finale.
Ambiente: sbocchi professionali
Relativamente all’occupazione le esigenze riguardano ingegneri, project manager e tecnici, oltre che commerciali e consulenti. Le energie rinnovabili creano più posti di lavoro rispetto ai combustibili fossili.
L’eolico
Eolo era il dio dei venti nell’antica Grecia, quello che si adirò con Ulisse e ne mise in pericolo il viaggio. Gli antichi mulini a vento hanno lasciato il posto a moderne turbine a vento, un settore in piena espansione. Collocate sulla terraferma o in mare aperto, le turbine eoliche utilizzano il vento per generare elettricità o per il pompaggio dell'acqua. Creano problemi di rumore e di inquinamento visivo, e non hanno del tutto risolto la questione del trasferimento di energia. La loro diffusione è destinata a triplicare nei prossimi anni. Anche quando le turbine eoliche sono costruite all'estero, ogni Paese deve gestirne l'installazione, il funzionamento e la manutenzione delle attrezzature.
Nel settore dell'energia eolica la Danimarca è leader mondiale, poiché copre così il 20% del fabbisogno di elettricità nel paese. Nei prossimi anni sono in programma massicce installazioni in Francia.
Il project manager è un ingegnere in energia eolica e ha conseguito un Master specializzato in eolico e solare. Lavora in ufficio e cerca possibili siti di impianto. L'obiettivo è quello di ottenere un permesso di costruzione. Deve analizzare i siti in base alla geologia e alla meteorologia, ma anche rispetto all’impatto sulla zona circostante.
Il project manager è assistito da tecnici eolici, che sviluppano la tecnologia delle macchine - pali, anemometri, pale, rotori - usando le proprie conoscenze circa i flussi dei venti.
L'operatore di parchi eolici, spesso in possesso di un diploma in manutenzione industriale, garantisce il funzionamento e la manutenzione.
Il solare
Questa energia durerà finché durerà il sole, cioè ancora per 5 miliardi di anni!
Può essere termica (acqua calda) o fotovoltaica (celle solari con silicio - materiale non rinnovabile) e può essere convertita in elettricità. L'energia solare può essere prodotta in singole installazioni o su grandi superfici.
Tra i nuovi mestieri possiamo anche citare quello di produttore di bagni solari: un’azienda specializzata in bagni pubblici ha sviluppato e venduto dei servizi igienici per le scuole, forniti di acqua piovana e dotati di pannelli solari.
L’ingegnere solare (specializzato in ingegneria elettronica e termica), sviluppa e controlla i progetti di installazione e di innovazione della ricerca (rendendo più conveniente il fotovoltaico, per esempio). Il monitoraggio può essere fatto da remoto mediante computer.
Il tecnico fotovoltaico assiste l'ingegnere solare. Titolare di un diploma in elettrotecnica, per esempio, installa gli apparecchi sul posto, ma può anche lavorare in un ufficio studi. Il lavoro esterno richiede forma fisica; quello in ufficio una buona conoscenza del software.
Legno, biomassa e biogas
Il legno è un materiale rinnovabile per eccellenza (se si è attenti a ripiantare gli alberi necessari!). È utilizzato per il riscaldamento e l’edilizia.
La biomassa è di origine organica: tutta la materia vivente (batteri, funghi, piante, animali, ecc.) può essere una fonte di energia. La biomassa può essere trasformata in un particolare combustibile.
Il biogas (ottenuto dalla fermentazione di rifiuti organici senza la presenza di aria) si ottiene anche mediante la conversione dei fanghi prodotti dal trattamento biologico delle acque reflue, e diventa calore o elettricità. 
Questo recupero di energia è un settore che si sta sviluppando. La Francia si appresta ad utilizzare il biometano nelle reti di gas naturale. A Lille il biogas recuperato dai rifiuti alimenta il trasporto pubblico urbano. I rifiuti organici sono usati per fare il compost, che può fertilizzare i campi rispettando l'ambiente.
Oro verde: questo è il nuovo appellativo del vecchio letamaio da quando si è scoperto come ricavarne biogas! Si consideri che perfino le ceneri prodotte dalla conversione del letame in biogas, possono essere usate in agricoltura come fertilizzante naturale.
Le aziende specializzate nella produzione di biogas da letame continuano a crescere, e continuano a cercare ingegneri e tecnici.
Gli ingegneri specializzati si occupano di realizzabilità e gestione dei progetti per conto di aziende ed enti locali.
L’idraulica
È il ramo della fisica che studia i liquidi sotto pressione. La potenza idraulica è fornita dal movimento dell'acqua (maree, onde, fiumi, cascate). Può essere convertita per produrre energia idroelettrica tramite un generatore. La Norvegia sta testando una centrale elettrica la cui energia è fornita attraverso una tecnica utilizzata negli impianti di desalinizzazione, utilizzando il fenomeno di osmosi tra acqua salata e acqua dolce.
L'ingegnere idraulico è uno specialista in meccanica dei fluidi. Lavora per società di produzione, società di consulenza, enti locali, ecc. È assistito da tecnici diplomati che attuano l’installazione e la manutenzione delle macchine.
L'ingegnere, per esempio, svolge ricerche sulle correnti oceaniche, che sono fonti di energia prevedibile e affidabile. 
Il geotermico
La geotermia è lo studio dei fenomeni termici all’interno della terra e dei mezzi tecnici per catturarne il calore e trasformarlo in energia da consumare (riscaldamento e acqua calda). Quanto più si scava, più il caldo è intenso. Si tratta soprattutto di falde di acqua calda (sorgenti idrotermiche).
L’ingegnere geotermico si dedica prevalentemente alla ricerca.
Il tecnico diplomato si occupa di installazione e funzionamento.
Ambedue lavorano sul campo: in particolare l'ingegnere conduce studi sul campo, guida le perforazioni e la progettazione di strutture. Il calore dalla sorgente ad alta temperatura può essere convertito in elettricità; se la temperatura è più bassa, il calore può essere utilizzato per il riscaldamento (per es.: pompe di calore).
Indirizzi utili
Qui di seguito pubblichiamo alcuni link di grandi organizzazioni di vari Paesi europei, dove si possono trovare gli indirizzi di società che operano nel campo ecologico con varie specializzazioni. Esplorandoli sistematicamente, ciascuno può trovare l’occasione giusta per il proprio lavoro. Si possono trovare anche offerte interessanti per studenti che vogliono fare uno stage.

http://ec.europa.eu/dgs/jrc/  
JRC Centro Comune di Ricerca della Commissione Europea

www.ewea.org  
European Wind Energy Association. Contiene i link a tutte le aziende associate e una sezione dedicata alle offerte di lavoro nel settore eolico.

www.eref-europe.org  
Federazione di associazioni europee che operano nel settore dell’energia prodotta da fonti rinnovabili, come le piccole centrali idroelettriche, eolico, maree, moto ondoso, bioenergia, solare e geotermica.

www.renewableenergyworld.com  
Sito americano con informazioni sulle aziende di energie rinnovabili e offerte di lavoro negli USA, in Canada e dintorni.

www.canadiansolar.com  
Canada. Uno dei maggiori produttori di pannelli solari nel mondo

www.bwea.com  
Associazione delle società britanniche che i occupano di energia dal vento e dal mare. Contiene i link a tutte le società aderenti.

www.ampair.com  
Regno Unito. Produttore di turbine eoliche.

www.3m.com/renewable  
www.windandsun.co.uk  
Regno Unito. Forniscono impianti per la produzione di energia solare fotovoltaica ed eolica.

www.rwe.com  
Uno dei maggiori produttori tedeschi di elettricità. Attualmente è impegnato nella progettazione e installazione di centrali eoliche e a biomassa in Polonia e Regno Unito

www.wind-energie.de  
Associazione delle società tedesche dell’eolico. Contiene i link a tutte le società aderenti.

www.vestas.com  
Una delle maggiori società tedesche che si occupano di parchi eolici.

www.ssb.eu  
www.abo-wind.com  
Società tedesche per la produzione di energia eolica.

www.windnovation.com  
Società tedesca di consulenza per la produzione di energia eolica.

http://biogas-edelstahl.de/  
Germania. Impianti per la produzione di biogas.

www.a-storm.de  
Germania. Impianti idraulici.

www.thoeni.com  
Austria. Impianti per la produzione di corrente e calore da fonti di energia rinnovabili.

www.appa.es  
Associazione spagnola dei produttori di energie rinnovabili. Contiene liste di società distinte per settore.

www.aeeolica.es  
Associazione delle società spagnole dell’eolico. Contiene i link a tutte le società aderenti.

www.gin-ko.com  
Agenzia spagnola per la selezione di personale da destinare al settore delle energie rinnovabili.
 
www.acciona.es  
Società spagnola che si occupa di ricerca, progettazione e realizzazione di parchi eolici.

www.vindkraftsbranschen.se  
Associazione delle società svedesi dell’eolico. Contiene i link a tutte le società aderenti.

www.svensk-vindkraft.org  
Organizzazione svedese dei proprietari di turbine eoliche.

www.windpower.org  
Associazione delle società danesi dell’eolico. Contiene i link a tutte le società aderenti.

www.dk-wind.com 
Associazione delle società danesi dell’eolico. Contiene i link a tutte le società aderenti.

http://psew.pl/  
Associazione delle società polacche dell’eolico. Contiene i link a tutte le società aderenti.

www.hydranet.net  
Società francese. Progetta e installa impianti per la depurazione dell’acqua.

www.enr.fr  
Associazione francese delle società operanti nel settore delle energie rinnovabili.
STAGE NELLA SICUREZZA EUROPEA ALL'OSCE A VIENNA
L’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) è un'organizzazione di sicurezza paneuropea i cui 56 Stati partecipanti coprono l’area geografica da Vancouver a Vladivostok. Quale accordo regionale ai sensi del Capitolo VIII della Carta delle Nazioni Unite, l’OSCE si è autodefinita strumento fondamentale nella sua regione per il preallarme, la prevenzione dei conflitti, la gestione delle crisi e la ricostruzione successiva ai conflitti in Europa.
L’attività dell’Organizzazione si esplica in tre settori fondamentali (detti “dimensioni”), eredi dei tre cesti della Conferenza per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (CSCE): la dimensione politico-militare, che affronta gli aspetti militari della sicurezza; la dimensione economico ambientale (che affronta prevalentemente i temi dell’energia, dell’ambiente e dello sviluppo economico); la dimensione umana, dedicata alle tematiche dello stato di diritto ed alla tutela dei diritti umani.
L'OSCE dispone di una propria rete di Missioni che operano, sulla base di diversi mandati, nei Balcani, nel Caucaso, in Asia Centrale e in alcune ex Repubbliche della Unione Sovietica. In queste Missioni operano esperti qualificati messi a disposizione dagli Stati partecipanti.
L'OSCE offre un numero limitato di posizioni per tirocini, a seconda delle esigenze dei vari dipartimenti. Il tirocinio dura tra i due e i sei mesi e non costituisce un impegno da parte dell'organizzazione per l'assunzione. Il luogo di lavoro è nella sede centrale a Vienna oppure in una delle missioni periferiche. Si tratta, inoltre, di un tirocinio non remunerato.
Requisiti del tirocinante:
studenti all'ultimo anno di istruzione superiore (università o istituti accreditati), neolaureati (entro un anno dal diploma)
limite di età di 30 anni
ottima conoscenza dell'inglese, sia scritto sia parlato; ottime competenze informatiche
Per candidarsi è necessario scaricare il bando di candidatura (Application form for internships): www.osce.org/employment/91 

OSCE
Department of Human Resources, Recruitment Section
6 Wallnerstrasse
AT- 1010 Vienna
www.osce.org 
BUONO A SAPERSI
MAPPE GEOGRAFICHE
Chi vuole andare all’estero, ha spesso bisogno di sapere dove si trova il luogo di una determinata offerta lavorativa, com’è il clima, come prenotare un alloggio, come arrivare con i mezzi pubblici, quali sono i giorni festivi, come cercare un numero di telefono. Per trovare velocemente una risposta, ci si può servire di vari siti Internet.
www.mapsofworld.com 
www.worldatlas.com  
www.atlapedia.com 
Tutti il mondo politico e geografico con i dati principali su storia ed economia. 
www.it.map24.com 
Spostarsi da A a B in ogni angolo d’Europa e dell’America del Nord. In italiano. Registrazione necessaria.
LAVORO NELLE FATTORIE DEL REGNO UNITO

www.pickingjobs.com/england/  
Offerte di lavoro in agricoltura: manuale, tecnico, intellettuale.

http://jobs.fwi.co.uk/ 
www.agrifj.co.uk/ 
Offerte di lavoro in campo agricolo nel senso più ampio del termine: nei campi, nelle stalle, negli uffici, nell’insegnamento, ecc.

www.agrirs.co.uk/job-search 
www.farm-solutions.co.uk/job-vacancies.php 
www.gumtree.com/farm-vet-garden-landscaping-jobs 
Offerte di lavoro legato alla terra: giardiniere, raccoglitore, trattorista, allevatore, ecc.

www.fruitfuljobs.com 
Offerte di lavoro in agricoltura e dintorni.

www.4xtrahands.com 
Raccolta di varie offerte di lavoro.

www.chandleranddunn.co.uk  
www.fruit-pickers.com  
www.haygrove.co.uk/jobs/seasonal/  
Aziende agricole. Richiedono personale per la raccolta di mele, pere, ecc.

www.environmentjob.co.uk  
Offerte di lavoro ambientalista.

www.concordia.org.uk  
Associazione di beneficenza, cerca volontari.
PARTIRE PER L'ESTERO CON I COLTI AL VOLO DI EUROCULTURA
Colti al volo - Lavoro all'estero 
Colti al volo - Stage all'estero 
Colti al volo - Volontariato all'estero 
Colti al volo - Corsi e Scambi
Colti al volo - Fiere del lavoro nel mondo
  
  
  
  
   Centro di formazione in Europrogettazione
Venice International University
Isola di San Servolo - Venezia
   Dal 1999 viene organizzato (spesso in più edizioni annuali) il Master in Europrogettazione, aperto a tutti coloro che intendano affrontare gli aspetti legati alla redazione e allo sviluppo di un progetto europeo: dalla ricerca e individuazione delle informazioni al partenariato, dal budget alla definizione di un piano di comunicazione e disseminazione efficace. Il Master ha un taglio pratico e operativo, ed è adatto sia a chi si accosta per la prima volta alla progettazione europea, sia a chi ha già acquisito esperienza e desidera strutturare al meglio le proprie competenze. Largo spazio è lasciato all'esercitazione in piccoli gruppi omogenei, in base ai settori di provenienza degli allievi. 
Il Master offre inoltre un periodo di assistenza alla redazione di un progetto, che l'interessato svilupperà autonomamente con l'assistenza dei nostri tutors, e al termine del quale potrà conseguire il Master (non obbligatorio per l'allievo, a cui viene comunque rilasciato un attestato di frequenza).
Dal 2004 al Master in Europrogettazione è stata affiancata la Scuola di gestione dei progetti europei, finalizzata ad approfondire tutte le problematiche inerenti alla vita di un progetto approvato: i rapporti con l'Unione Europea, le tecniche e gli strumenti di gestione dei progetti e del partenariato, il monitoraggio e la valutazione, la gestione economico-finanziaria e la rendicontazione. Anche in questo caso l’interattività tra docenti e allievi riveste un’importanza cruciale per l'ottimale riuscita del corso: per questo è lasciato ampio spazio a domande ed esercitazioni. 
Entrambi i percorsi durano ciascuno una settimana a tempo pieno, durante la quale sono previste iniziative collaterali e servizi aggiuntivi, che variano a seconda delle edizioni: approfondimenti, seminari facoltativi, ecc.
Il Centro offre inoltre seminari specialistici, di progettazione su varie tematiche: ambiente, ricerca, cooperazione territoriale, apprendimento permanente, ecc. solitamente in concomitanza con l’uscita di bandi particolarmente rilevanti. I seminari hanno normalmente una durata di una o due giornate, e si concentrano su un bando o su un programma specifico di particolare complessità e attualità, oppure su temi di rilevanza trasversale. 
Il Centro è in grado di concludere convenzioni e accordi con enti e imprese che avessero la necessità di formare un numero rilevante di persone, orientando e terminando la formazione alle loro specifiche esigenze, e realizzando direttamente le attività didattiche presso le strutture richiedenti.

http://www.europelago.it/dove.asp  
  
  
  
   euroreporter
   La Redazione di Eurosportello Informa, grazie alla collaborazione con Euroreporter, web site per “l’informazione europea su misura”, offre una rubrica di approfondimenti tematici dall’Europa su: evoluzione normativa, giurisprudenza, consultazioni pubbliche, regolamentazione tecnica, progetti transfrontalieri, conferenze e altri eventi, partenariati e accordi di settore, studi e rapporti di organismi pubblici o privati, posizioni delle associazioni di categoria europee o nazionali, azioni politiche e di lobbying, reazioni comunitarie a iniziative nazionali o viceversa, progressi tecnologici, tendenze di mercato.
Per visualizzare l’elenco cliccare il seguente link: http://www.euroreporter.eu 
  
  
  
  
  

  

contatti

  

Per non ricevere la newsletter ciccare QUI
Eurosportello informa - Anno XIX N 20 – 2015
Pubblicazione quindicinale di Eurosportello del Veneto
Via delle Industrie 19/d 30175 Venezia-Marghera Tel.041/0999411 – Fax. 041/0999401
www.eurosportelloveneto.it e-mail: europa@eurosportelloveneto.it 

Autorizzazione del Tribunale di Venezia n. 1376 del 15/12/00
Direttore Responsabile: Gian Angelo Bellati
Comitato di redazione: Roberta Lazzari, Francesco Pareti

Hanno collaborato: Roberto Bassetto, Marco Boscolo, Rossana Colombo, Bernd Faas, Laura Manente, 
Filippo Mazzariol, Sara Momi, Ludovica Munari, Luca Pavanato, Alessandra Vianello, Alessandro Vianello